email

Newsletter? Autenticazione SPF, DKIM e DMARC obbligatoria!

Quando invii email, i provider di posta elettronica (come Gmail, Outlook, AOL e Yahoo) devono identificare se si tratta di un’email legittima inviata dal proprietario del nome di dominio o dell’indirizzo o di un’e-mail contraffatta inviata da uno spammer o phisher. Questo include le email inviate da MailPoet e anche molti altri servizi!

A partire da febbraio 2024, Gmail e Yahoo inizieranno a richiedere DKIM e DMARC agli utenti che inviano oltre 5.000 email al giorno per garantire la consegna. Tuttavia consigliamo vivamente a tutti i mittenti di configurare DKIM e DMARC.
Oltre a questo forte requisito, ci sono molti altri vantaggi:

  1. Rafforza il tuo branding
    Puoi rafforzare il tuo brandingrimuovendo l’header “tramite…” da Gmail. Un effetto collaterale positivo dell’impostazione dell’autenticazione DKIM è che questo header scompare.
  2. Costruisci una reputazione come mittente di email sul tuo nome di dominio
    Inviare email senza autenticazione è come consegnare un compito senza il nome. Potresti essere andato bene, ma non puoi prendertene il merito se non c’è il tuo nome. L’autenticazione DKIM, in particolare, aiuta a costruire la tua reputazione come mittente di email.
  3. Applica una sicurezza più rigorosa al tuo nome di dominio
    Gli standard di autenticazione come DMARC aiutano a proteggere il tuo nome di dominio da un uso potenzialmente fraudolento.

L’autenticazione delle email non risolve tutti i problemi di deliverability, ad esempio se il destinatario desidera o meno l’email. Tuttavia, l’autenticazione risolve il problema di determinare da chi proviene l’email.

Un mittente che segue le best practice, come inviare email personalizzate e di alta qualità a un elenco di opt-in ed eseguire una regolare igiene dell’elenco, in genere vedrà una maggiore deliverability quando utilizza l’autenticazione email. Il suo dominio si costruirà una reputazione come buon mittente con i destinatari che vogliono interagire con le sue email.

Un mittente che non segue le best practice, come utilizzare una lista noleggiata o acquistata, che non ha messaggi chiari durante il processo di opt-in sul tipo di email che verranno inviate e con quale frequenza, o che non esegue mai l’igiene dell’elenco, in genere vedrà una minore deliverability con l’autenticazione delle email. Il suo dominio può costruirsi una reputazione come mittente di email indesiderate.

L’autenticazione consente ai mittenti validi di consolidare ulteriormente la loro reputazione e proteggere il loro dominio da mittenti dannosi che potrebbero tentare di rubare il loro dominio.

obblighi invio email

Cosa succede se non rispetti la scadenza?

Se la tua azienda utilizza l’email per comunicare con i suoi clienti e non ha implementato l’autenticazione delle email, queste modifiche avranno un impatto significativo sul tasso di recapito dei tuoi messaggi agli utenti di Gmail e Yahoo!. Se invii più di 5.000 email al giorno a questi account e non hai implementato i protocolli SPF e DKIM, o se non hai implementato delle policy DMARC, questi mancati recapiti avranno conseguenze ancora maggiori sulla tua attività.

SPF e DKIM

I record SPF (Sender Policy Framework) sono record TXT sul tuo dominio che autorizzano server specifici a inviare posta utilizzando il tuo nome di dominio.

DKIM (Domain Keys Identified Mail) è una firma che qualsiasi mittente può applicare alle proprie email. Questa firma chiarisce che il presunto mittente del messaggio è davvero il mittente. È possibile utilizzare qualsiasi dominio come firma.

Articoli correlati

Perché le vulnerabilità di plugin, tema e WordPress Core sono pericolose?

WordPress è di gran lunga il sistema di gestione dei contenuti (CMS) più popolare. In tutto il mondo, oltre il 40% di tutti i siti web si basa su WordPress....

File Zip creati da MacOS crashano su WP: arriva la soluzione!

Se fate un buon lavoro col vostro sito WordPress tenendolo costantemente aggiornato avrete sicuramente notato che nell’ultima versione, la 6.4.3 uscita il 30 Gennaio di quest’anno, c’è qualcosa di grosso...