WordPress: il 10% di tutti i siti internet oggi sono realizzati con questo CMS

Qualche minuto fa leggevo su di un blog che il 10% dei siti internet attuali sono realizzati con WordPress, e la cosa mi ha suscitato alcune considerazioni.

Ho incominciato ad usare WordPress come sistema editoriale per pubblicare siti internet nel 2005 in Proxima.it srl, quando uno dei miei collaboratori (Luca Luzzatti ora PlayArt Studio) mi propose questo sistema per realizzare alcuni progetti (fra cui il nostro sito aziendale www.proxima.it)

In quegli anni abbiamo realizzato alcuni interessanti progetti con la versione 2.x pur riconoscendone i limiti e carenze: in particolare nella capacità di gestire multi livelli di autorizzazione ai contenuti (per redazioni diversificate su parti di sito), nella gestione multi-lingua e comunque nel basso livello di strutturazione dei contenuti.

Nel 2008 fino ad oggi collaborando con diversi team di sviluppo e webdesign, abbiamo visto nascere molti progetti realizzati con WP, in particolare nel mondo del turismo con il cliente APT Servizi srl per conto della Regione Emilia Romagna, e proprio in questo settore abbiamo anche riscontrato alcuni dei limiti maggiori.

Da questa esperienza comunque ho tratto alcune conclusioni che sono decisamente diverse rispetto a quelle prese da alcuni colleghi che reputano comunque WP uno strumento non professionale e adatto pertanto solo a progetti di breve durata e comunque non strategici.

In particolare si citano i problemi di sicurezza provocata dall’utilizzo di plug-in e moduli di terze parti che spesso lasciano aperte falle nella sicurezza, provocando non pochi problemi.

Da parte mia ho deciso che Farnedi ICT continuerà a investire sul progetto WP, con rinnovato vigore e con l’approccio serio e organizzato che contraddistingue il nostro lavoro.

Per questa ragione questo sito è stato realizzato in WP come palestra e campo di prova di plug-in e tecnologia da trasferire poi ai clienti che richiederanno la nostra assistenza nella gestione di un proprio sito in WP.

Ritengo che per alcuni progetti, low-cost si possa partire molto efficacemente utilizzando WP come base, avendo cura di seguire alcuni fondamentali accorgimenti:

  • utilizzare template di qualità e ben fatti
  • utilizzare plug-in in maniera moderata e coordinata
  • fare sempre backup continui ed automatici di DB e del sorgente del sito
  • ridurre al minimo le modifiche ai temi ed alle funzioni di wordpress ed evitare la scrittura di codice custom
  • quindi utilizzare WP entro i limiti che lo contradistinguono fra le piattaforme di blog e CMS
  • tenere sempre aggiornati i vari componenti e le versioni del CMS

Seguendo queste piccole regole e con una buona competenza tecnica autonoma si può gestire un sito con costi di realizzo dai 600 ai 1.000 euro, e costi di manutenzione annui non superiori ai 200 (più hosting).

Seguiranno esempi e proposte.