Rinviata di un mese la scadenza per la PEC

Una buona notizia per tutti coloro che non sono riusciti a registrare la casella PEC, arriva in questi giorni tramite una circolare del ministero dello Sviluppo economico (la 224402 del 25 novembre) invita le Camere di commercio a non applicare la sanzione da 103 a 1.032 euro prevista per le società che non comunicano il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (Pec) al Registro imprese entro la scadenza di martedì 29 novembre.

 

Ufficialmente non è una proroga, ma di fatto si configura come se lo fosse, e questo permetterà ai ritardatari di eseguire la registrazione con un mese ulteriore di tempo.

Comunque consiglio a tutti di affrettarsi, e rinnoviamo l’invito a utilizzare il nostro servizio PEC

[su_note note_color=”#e2e2e2″]
09.05.2014
Nuova circolare sulla PEC 

La circolare n° 77684 del 09.05.2014 del Ministero Dello Sviluppo Economico, ha stabilito che ogni società è obbligata a possedere un proprio indirizzo PEC – Posta Elettronica Certificata – utilizzato
e riconducibile esclusivamente alla stessa specificando che le indicazioni operative precedentemente fornite (possibilità di indicare la PEC di un terzo) sono da ritenersi ormai superate. Nei casi in cui la CCIAA riscontri che lo stesso indirizzo di PEC è utilizzato da più società o imprese, intima le stesse
a sostituire detta PEC con un indirizzo “proprio”ed in caso di inadempienza la PEC viene cancellata d’ufficio e sono previste sanzioni da € 103,00 a € 1.032,00.

[/su_note]