Rapportive & Google Apps: una combinazione vincente al servizio dei CRM

Rapportive si colloca fra gli strumenti gratuiti che possono rendere più efficace e produttiva la nostra giornata lavorativa, e come molti altri prodotti da me recensiti, si colloca fra i prodotti che espandono le funzionalità di Gmail, all’interno della suit Google Apps.

Nell’ambito della nostra incursione sul mondo dei CRM, iniziata con il post CRM a confronto, e poi proseguita con la recensione del prodotto Writethat.Name, questo strumenti si colloca molto bene, in quanto riesce ad arricchire la finestra di Gmail con un grande numero di utili informazioni estratte dalla nostra rubrica indirizzi, dal CRM Highrise, dai contatti social network come LinkedIn, Facebook e Twitter.

Il tutto avviene attraverso l’installazione di un plug-in dentro al proprio browser, ed alla successiva abilitazione dei vari profili e link del servizio tramite il menù che compare all’interno della nostra schermata di GMail.

Menu di Rapportive, come si presenta con Chrome dentro a Google Apps

La successiva volta che si accederà alla propria posta, quando si accede ad un indirizzo di email (nell’atto di scrivere una nuova email o quando la si legge), la sidebar di destra si riempirà di informazioni utili e relative al contatto attualmente selezionato.

Particolarmente interessanti  sono le informazioni connesse allo stato di appartenenza a Linkedin, e pertanto alla possibilità di richiedere direttamente una richiesta di Connect, che solitamente viene accettata dall’interlocutore in considerazione del fatto che stiamo dialogando via email con lui.

Allo stesso modo può risultare di grandissima utilità la possibilità di collegare Highrise, di aggiungere con un click il contatto al proprio CRM, di inserire Tag, Task e note, che risulteranno immediatamente disponibili per tutti i colleghi che condividono l’accesso al CRM.

Non meno interessante è l’integrazione, tramite Raplets, a MailChimp, con la conseguente possibilità di ricevere una immediato report sulle recenti attività di MailMarketing svolte sul contatto.

In fine un occhio al fattore influenza sulla rete del contatto, tramite i valori di  K (klout) e Kred, ben in vista sotto al profilo.

In definitiva, un ottimo strumento che si aggiunge all’arsenale del nostro già ricco armamentario di tool da integrare al Google Apps e renderlo uno strumento paragonabile, se non a volte preferibile, ai CRM integrati come Salesforce o SugarCRM.