A proposito di internet veloce e infrastrutture

Quella che vi racconto è una storia… una triste storia, che parla di futuro, speranze e sogni.

I protagonisti sono due uomini come tanti, entrambi lavorano nel mondo ICT, entrambi sono sulla quarantina.

Si incontrano durante una normale giornata di lavoro in un ufficio come tanti altri, in una delle tante città romagnole.

Chiameremo il primo “imprenditore ICT ” ed il secondo “tecnico TLC”.

[su_quote cite=”Imprenditore”]Buon giorno, meno male siete arrivati, rappresentate la mia salvezza. Sono due mesi che ho ordinato una connessione telefonica e senza non posso aprire il nuovo ufficio, nonostante stia pagando l’affitto da inizio anno. Senza internet e telefono non possiamo lavorare, e speriamo che funzioni tutto bene ed alla massima velocità. A proposito, come è la linea in questa zona? Quanto siamo distanti dalla centrale?[/su_quote]

[su_quote cite=”Tecnico”]Siamo a meno di un chilometro, ma sa, non conta molto! Dipende dal fornitore di servizi poi che tipo di connessione le garantisce. Non dipende da noi, o da altri fattori tecnici. Qui comunque a noi dice che il segnale è perfetto e va a 20 Mb.[/su_quote]

L’imprenditore, che di queste cose se ne intende un poco, lascia correre e fa un’altra domanda:

[su_quote cite=”Imprenditore”]A proposito, sapete qualcosa dei tempi di implementazione delle tecnologie FTTC per questa zona? Quando prevedete di fornire il servizio?[/su_quote]

[su_quote cite=”Tecnico”]Si, ne ho sentito parlare, ma non pensi poi che sia una gran differenza; alla fine non portano la fibra a casa, ma solo al cabinet, e poi l’imbuto è quello alla fine. Non cambia molto la velocità.[/su_quote]

 

L’imprenditore, che già aveva sentito dire da un collega che lavora per Telecom, che al momento non si incentiva la vendita di questo servizio perché offre minori margini di guadagno per gli agenti, comunque non si arrende e ribatte:

[su_quote cite=”Imprenditore”]In realtà 3 Mb di upload contro i 0,8 MB di una ADSL normale (quando va benissimo) e 30 MB (fino a 50 MB teoricamente) in download non mi sembra propria che sia la stessa cosa di adesso. Comunque in effetti per le aziende ci vorrebbe la fibra, per fortuna che qui da noi la possiamo allacciare con poche miglia di euro, mentre in altri punti della città è molto più costoso, anche qualche decina di migliaia…[/su_quote]

 

il Tecnico, lo interrompe dicendo

[su_quote cite=”Tecnico”]Si, si, la fibra! Ma lo sa lei che un anno fa, in una zona artigianale abbiamo portato una connessione in fibra da 100 Mb e poi quando  è stato chiesto alle aziende presenti chi era disposto a pagare qualcosa di più per avere il servizio ad alta velocità, nessuno si è fatto avanti? La fibra alla fine serve solo a quelli che di notte vogliono scaricare i film… alle aziende non serve a nulla.[/su_quote]

[hr style=dotted-line margin_top= margin_bottom=]

Come si sarà capito, io sono quel imprenditore, ed il dialogo che ho riportato mi è successo proprio oggi con il tecnico di Telecom che finalmente mi ha portato la linea nei nuovi uffici di Cesena.

In un momento in cui la carenza di banda internet è uno dei maggiori freni allo sviluppo del business di molte aziende, come indico anche nel post sulle startup, sentirmi dire che la fibra ottica è inutile per le aziende e che non c’è richiesta mi fa proprio rattristare (per non dire di peggio).

La cosa più scandalosa è poi che aziende come Telecom Italia Spa che detengono la quasi totalità delle infrastrutture di tele-comunicazioni del nostro paese, invece che essere il motore dell’innovazione, finiscano per esserne il freno.

Se la cultura imprenditoriale dei commerciali di Telecom, come di moltissime altre TLC italiane, sia così scarsa da non saper valorizzare i vantaggi che una connessione a banda ultra larga può offrire ad ogni tipo di impresa, questo è un loro limite e vi assicuro che se mi forniste in Romagna una rete a 100 Mb simmetrica ad un costo paragonabile ad altre realtà metropolitane (come Milano) non avrei problemi a convincere tutti i miei clienti ad utilizzarla.

Il problema è che al momento la soluzione più realistica per avere connessione simmetrica in Romagna è Acantho con la sua offerta in FiberGate (nelle zone ove disponibile) ma ad un costo che parte dai 450,00 euro al mese (per appena 10 Mb) e con costi di impianto che vanno dai 2.000 ai 40.000 euro in funzione di quanto si è distanti dallo snodo della rete ottica.

E’ evidente che tutto questo non può bastare ed urge un intervento radicale per aiutare le imprese a crescere e fare innovazione.