iPhone o Android, chi è meglio ?

[alert color=red align=center]Aggiornato il 24 Settembre 2011[/alert]

In qualità di consulente ICT mi sento porre spesso questa domanda, e di norma la prima risposta che fornisco è che per affrontare il quesito in modo corretto si deve porre in contrapposizione i due sistemi operativi iOS di Apple e Android di Google e non genericamente due telefoni.

Nel confronto fra device (iPhone 4 per esempio ed un modello Android di Samsung) vanno presi in consederazione fattori come prezzo, forma e funzionalità, durata batteria, qualità di costruzione ed ovviamente sistema operativo.

Limitandomi pertanto al confronto fra sistemi operativi, attualmente devo confessare che non ho elementi su cui basare un confronto, in quanto non ho utilizzato un Android abbastanza a lungo per farmi un’idea.

Confido di porre rimedio a questa grave lacuna al più presto, ma confesso che ho preferito che il mercato ed i relativi device maturassero un poco prima di avventurarmi su questa strada, ed abbandonare uno dei miei due telefoni: un iPhone 4 e un Blackberry 8300.

Nel frattempo affido una prima risposta ad un articolo che ho letto su Wired Italia di Maggio (n. 27) nella rubrica D&R.

Alla domanda di un lettore “Cosa ne pensi di Android?” rivolta a Marco Zamperini ecco sinteticamente il sunto della risposta (rimando alla lettura della rivista chi fosse interessato all’articolo integrale)

Android ha ancora qualche problema fra cui:

  • E’ molto potente e personalizzabile in quanto open-source e non bloccato come iOS, ma questo lo rende anche ostico per gli utenti non esperti, tanto che molti ancora usano solo i programmi di base pre-installati

  • Risulta anche debole in fatto di sicurezza, tanto che molte aziende preferiscono iOs o Blackberry perchè offre una maggiore affidabilità contro virus e furto di dati. Nel AndroidMarket di Google vi sono alcuni programmi (almeno una decina) che risultano dannosi che rubano informazioni e danneggiano il dispositivi, questo a causa del “mancato controllo in stile Apple” che Google non può fare visto il modello di piattaforma addottato.

  • Inoltre è sempre possibile scaricare da siti “non attendibili” applicazioni e questo apre la porta a virus e programmi malevoli.

  • Esiste una frammentazione delle piattaforme (costituite da ben 5 versioni di OS in commercio su decine di versioni diversi di device) il ché rende molto più complesso per gli sviluppatori garantire compatibilità e performance uguali sui vari prodotti distribuiti

    Ecco un interessante articolo da considerare sull’alto tasso di Reso dei modelli Android e di conseguenza su quanto sia drogata l’informazione che riceviamo sui tassi di penetrazione delle due piattaforme.

    http://techcrunch.com/2011/07/26/androids-dirty-secret-shipping-numbers-are-strong-but-returns-are-30-40/

    Oppure un’analisi di come in molti paesi la maggior parte del traffico dati mobile sia realizzata da iOS device.

    http://www.iphoneincanada.ca/iphone-news/apple-products-accounted-for-83-of-internet-traffic-in-canada-in-may/

Quanto detto, non implica che chi scrive ritenga Android un prodotto inferiore a iOS o a Blackberry, ma sicuramente diverso e non del tutto maturo o adatto a tutti gli utilizzi.

In questo articolo si trova un’altra analisi simile sull’utilizzo da parte degli utenti dei due sistemi operativi:http://www.asymco.com/2011/09/21/the-perils-of-possession-without-utilization/

Google confessa che: “i 2/3 delle ricerche da mobile arrivano da dispositivi con sistema operativo iOS”. Questa cosa dovrebbe essere tenuta in considerazione quando si discute dell’effettivo marketshare di Android.

Farnedi ICT è partner di Google su diverse tecnologie da molti anni, e ritengo Android uno dei sistemi operativi per Smartphone e Table più promettenti dell’attuale mercato, e sicuramente investiremo tempo e risorse nello studio e applicazione di questo ambiente.